sabato 18 marzo 2017

La MaDONNA DEI MANdarini


Sulla Madonna c’è una leggenda, una tradizione che esiste nel Sud d’Italia dove ci sono tanti mandarini. La leggenda della "Madonna dei mandarini". Si dice che sia la patrona dei ladri. Dicono che i ladri vanno a pregare lda Lei. E la leggenda – così raccontano – dice che i ladri che pregano la Madonna dei mandarini, quando muoiono e devono mettersi in fila per entrare nel Paradiso, e sfilano davanti a Pietro che ha le chiavi, e apre e lascia passare uno, chiude e non lascia passare un altro. Ma e la Madonna, quando vede uno di questi, gli fa segno di nascondersi; e poi, quando sono passati tutti, Pietro chiude e viene la notte e la Madonna dalla finestra lo chiama e lo fa entrare dalla finestra. E’ un racconto popolare, ma è tanto bello: perdonare con la Mamma accanto; perdonare con la Madre. Perché questa donna, quest’uomo che viene al confessionale, ha una Madre in Cielo che gli aprirà la porta e lo aiuterà al momento di entrare in Cielo. Sempre la Madonna, perché la Madonna aiuta anche noi nell’esercizio della misericordia.

venerdì 10 marzo 2017

LOS CANDIDAlo


CHECCA SI-NO le scRITTUR di OGGI.
CHI SISAL VERA' in QUA-STO' cASINO di VERITA' CONTRApPOST?

venerdì 3 marzo 2017

giovedì 2 marzo 2017

lasPOSA dell'AnGnELLO è pronta

Non imbRATTAte la vs dOPPIA imMAGIne con la SUa.t.UNICA, fino a rENDerla INRIconoscibile (Gn 3,9).
Non VERaGOGAteVI delle vs NUDITA' TEntATEe dal SerPENTE che diVENTA VULveNErABILE quANDO' ha MANaGIATO.
LUI è con NOI fin dall'INIZIO. PRIMA e DOPO, comPRESO nel PECCATO.
FINO a NASCERE LUI STESsO DANNOI.
"E' il s'IGNOR STESsO, nelle FATTEzze del VERbO, che GUIDA. PONE dELIcataMENte le MANI sulle sPALLE, inCUOReAGIA senza FORZA-RE, rESTA inDIETRO, QUA-SI A-PROTEgGERE, a non invADE-RE, MEN-TRE si sCHI-ODE la PORTA che CHI-AMAal CAMmino, al FU-TUrO, all'A STrOrYA. Il s'IGNOR STESsO 'scEDEN', fino alla SOGLIA in CUI il Regno DEI Cieli diVENTA Regno diddio sulla TERRA, e aTENDE le SUE MANI sulla cOPPIA di VISI sePARATI dalla VERaGOGNA".
Da UNO ne FECE DUE che d'OVEvANNO comPRENDERE l'ESSERE c'OME DIO FATTO MAsCH'IO e FEmMENA.
Più che sCACCIATA sEMBRA una sPINTA AMOreVOLE, non con SPADA FIAMMEgGIAnTE ma FOLGORante, fino a CAPI-RE quell'AperTUra di OcCHI.
LUI STESsO che a.C.comPAGNA i diVISI VERSO l'INIZIO e non la fine, riCOPREnDOLO di NUOVI VESTITI fATTI di PELLE.
Non una FINE, ma un NUOVO e VERO INIZIO della STORIA, che dal TEmPO FISSATO ci fa comPRENDERE l'ExSERE E-TERNO. Non + UNO, ma DUE .. ANZI TRE, FATTI di UN'UNICA MIA-SERIEdi CUORdiYA.
TUTTO si COMPIE in quel GIARDINO che cambia A.S.PETTO dalla GENE-SI alla PASS-QUA, PASSando dalla PASSione del P.E.C.cATTO ... INDIspensABILE.

martedì 28 febbraio 2017

LA SUA VERITA'



a.C. OSA SerVe dARE al "s'IGNOR" c'OSE' QUAnDO' DATE' tane CHIeden un'ALTrA?
riFLETTI quel che "DIO QUANTO" vuOLE' e ADEmPILO!
Per questua VIA il tuo CUore sARA SODIsfatto
PIUMEaglio di QUElche ti PORTA la TUA inCLINEazione.